‘La Classica Nuotata Non Competitiva Lerici-San Terenzo 2015’

Clicca su una qualsiasi delle foto alla fine di questo commento per iniziare a scorrere la galleria.

Si è svolta anche quest’anno la manifestazione, nata per iniziativa del Dott. Dino Ceppodomo nel 1999 e patrocinata dal Trittico Natatorio Santerenzino, in programma, come di consueto, la seconda domenica di agosto, partendo dai giardini di Lerici per arrivare sulla spiaggia di San Terenzo.

La nuotata non è competitiva e può partecipare, senza alcun obbligo d’iscrizione ma presentandosi direttamente alla partenza intorno alle ore 11, chiunque si senta abbastanza allenato per compiere il percorso. Alcune barche e canoe di appoggio della società patrocinante seguono i partecipanti, i quali devono comunque far conto essenzialmente sui loro mezzi natatori, non essendo previsto un vero e proprio servizio di assistenza e supporto.

Il percorso, lungo circa 1200 metri, si snoda, dopo un primo pezzo diritto nel passaggio davanti al Lido di Lerici, a forma di esse all’interno della scogliera di fronte alla spiaggia della Venere Azzurra ed infine, doppiando la punta del Colombo, si conclude coprendo un lungo rettilineo sulla spiaggia di San Terenzo, fra i bagnanti che ogni anno osservano con curiosità ed anche un po’ di stupore l’arrivo dei nuotatori.

Alla partenza quest’anno c’erano 51 partecipanti (dieci più dello scorso anno), com’è risultato dalla conta che viene eseguita prima della partenza fra tutti i partecipanti i quali, tenendosi per mano, formano un cerchio. Quest’anno è tornato anche Dino Ceppodomo, bloccato da un infortunio ed impossibilitato quindi a far parte della comitiva nella scorsa edizione. La partenza è stata decretata in questa occasione dall’assessore del Comune di Lerici Riccardo Bini.

Qualche medusa lungo il percorso, specie fra la Venere Azzurra e il Colombo, ha costituito un ostacolo in più allo sforzo dei nuotatori, giunti tutti alla spiaggia di San Terenzo, qualcuno con qualche lieve scottatura dovuta al contatto, appunto, con le meduse. 

All’arrivo a San Terenzo, posto proprio al centro della spiaggia, ad accogliere i valenti nuotatori c’era sulla passeggiata antistante la spiaggia, il classico gazebo imbandito di focacce salate, dolci e bevande, grazie all’efficientissima organizzazione del Trittico Natatorio Santerenzino. 

Secondo tradizione alcuni dei nuotatori, giunti a San Terenzo e dopo essersi rifocillati ripartono subito dopo alla volta di Lerici compiendo il percorso inverso, in ossequio ad un’antica rivalità fra le due borgate, oramai praticamente scomparsa fra le ultime generazioni. Ovviamente si tratta di uno scherzo ed un atteggiamento burlesco, ben noto e concordato simpaticamente con il cordiale staff dei santerenzini, i quali ringraziamo ancora una volta per la puntuale e simpatica accoglienza, incluso il personale in tenuta da soccorso. 

Un piccolo ringraziamento infine anche a mio figlio Luca, oramai da alcuni anni una sorta di fotografo accompagnatore della manifestazione, che segue il percorso dei nuotatori dalla partenza all’arrivo ed ha scattato quindi tutte le foto della galleria visibile qui di seguito, che mi auguro sia gradita come nelle precedenti edizioni.

Annunci